Tutto Robin Wood – 1995

/
5 mins read

Il 1995 costituisce un’annata record per la presenza di Robin Wood sui settimanali Eura: dopo il momentaneo rallentamento dell’anno precedente, viene toccato un nuovo record con 283 episodi complessivi, battendo il record di 271 risalente al 1993. Sono numeri enormi, ripartiti tra serie “classiche”, ristampe in inserti, serie lunghissime pubblicate settimanalmente, serie da 20-30 episodi consecutivi, miniserie… In tutto, 6 serie su Lanciostory e addirittura 9 su Skorpio, in base ai dati forniti come di consueto dal database online dell’Editoriale Aurea.


Come già successo l’anno precedente, la XXI annata di Lanciostory inizia con una bella copertina di Antonio Salinas dedicata a Dago, di cui viene pubblicato il 135° episodio: e come già successo l’anno precedente, questo personaggio avrà sempre l’onore di apparire in copertina a ogni suo nuovo episodio (tranne un unico caso) ma, ahimé, le analogie con l’anno precedente non si fermano qui… e infatti i nuovi episodi vengono pubblicati con frequenza a dir poco saltuaria e in totale ammontano soltanto a 8.

Il n° 1 contiene anche il 112° episodio di Martin Hel (disegnato da Angel “Lito” Fernandez), che prosegue la sua marcia imperterrita continuando ad essere pubblicato tutte le settimane, per un totale di 52 episodi di cui uno (quello del n° 14) in cui il personaggio appare anche in copertina.

Il 236° episodio di Nippur di Lagash appare invece nel n° 4, con i consueti disegni di Sergio Mulko. Da lì in poi, l’incorruttibile sumero appare con frequenza quattordicinale, tranne rarissime eccezioni: gli episodi complessivi pubblicati sono 23, senza alcuna presenza in copertina.

Nel n° 15 debutta invece un’altra delle “serie-da-20/30-episodi-consecutivi”, come ho iniziato a chiamarle negli anni precedenti: si tratta di Port Douglas, disegnata da Gerardo Canelo, che si concluderà nel n° 40 dopo 26 episodi e verrà ristampata in gran formato nel n° 16 della collana I giganti dell’avventura. Il protagonista, John Kelly, è un grigio impiegato di Londra che riceve un’eredità completamente imprevista dalla lontana Australia: decide quindi di cambiare vita e trasferirsi là… ma viaggiando in treno e affrontando tutta una serie di avventure e peripezie (compresa la “classica” incarcerazione dell’eroe innocente, proprio a un passo dall’agognata meta) fino all’epilogo, con un lieto fine invero un po’ scontato.

Nel n° 31, l’inserto dedicato a Loco Chavez lascia il posto alla seconda parte della ristampa di Savarese, la cui prima parte era già apparsa in inserto nel 1992-1993. Gli episodi apparsi durante l’anno (disegnati, naturalmente, da Domingo “Cacho” Mandrafina) sono in tutto 22.

Chi manca all’appello tra le serie “classiche”? Presto detto: Mojado. Dopo una pausa durata un anno e mezzo, il personaggio disegnato da Carlos Enrique Vogt riappare nel n° 47, con il suo 111° episodio e viene pubblicato tutte le settimane, per 6 episodi in totale. Sembra un ritorno in grande stile: come scrivevo nell’articolo dedicato alla sua fine imprevista, la frequenza settimanale era in genere riservata a serie che disponevano di ampie scorte di episodi disponibili… e invece avremmo scoperto, nella primavera successiva, che si trattava degli ultimi fuochi di questa serie indimenticabile.


La XIX annata di Skorpio inizia con il 4° episodio di Starlight, disegnato da Juan Zanotto. Questa serie di fantascienza viene pubblicata anche nei 3 numeri successivi e appare in copertina nel n° 2 e nel n° 4… dopodiché viene sospesa per mesi e mesi, prima di una nuova striscia di 4 episodi consecutivi tra il n° 32 e il n° 35 e un unico altro episodio sul n° 40. Gli episodi complessivi apparsi nel 1995 sono quindi soltanto 9.

Sul n° 1 appare anche il 17° episodio di Larsen & Finch, per i disegni di Carlos Casalla: la serie viene pubblicata tutte le settimane e si concluderà con un tragico epilogo nel n° 11, con il suo 27° episodio complessivo.

Continua inoltre la ristampa settimanale, in inserto, della seconda parte di Dago: in questo 1° numero dell’anno appare il suo 31° episodio. La pubblicazione proseguirà fino al n° 21, quando si concluderà con il 51° episodio complessivo per lasciare il posto all’inserto dedicato a Bruno Bianco.

Nel n° 2 viene pubblicato il 91° episodio di Pepe Sanchez, per i disegni di Carlos Enrique Vogt. Se, nel 1994, la frequenza di pubblicazione di questo personaggio era stata molto limitata, quest’anno andrà mooolto peggio: ne appare infatti un unico altro episodio, nel n° 11, prima di una lunghissima pausa.

La prima nuova serie di Wood su Skorpio appare nel n° 9: Il pellegrino del titolo è Robert Preston, un europeo che fa base su una chiatta a Hong Kong e vorrebbe vivere nell’ozio bevendo whisky (quasi un novello Mister No, insomma…), mentre invece viene continuamente coinvolto in avventure di tutti i tipi che iniziano e terminano in tre numeri consecutivi. Un primo ciclo si sviluppa su 24 episodi settimanali, poi un secondo inizia nel n° 42 e prosegue nell’anno successivo. I disegni sono affidati a Walther Taborda e il totale degli episodi pubblicati ammonta a 35.

Curiosamente, sono 35 anche gli episodi di un’altra serie che inizia nel n° 17 e viene pubblicata tutte le settimane (ad eccezione del n° 50): si tratta di Amanda, disegnata da Alfredo Falugi. La protagonista mostra all’inizio diversi punti di contatto con Helena, ma ben presto le sue avventure diventano meno realistiche e sfociano nell’avventura giramondo: addirittura, durante uno dei suoi frequenti viaggi in luoghi esotici, Amanda incontra il Pellegrino dando vita a un vero e proprio team-up…

Sul n° 19 debutta un’altra serie di Wood, dall’enigmatico titolo Impiccato, per i disegni di Leandro Sesarego. I 13 episodi consecutivi di cui si compone questa breve serie mostrano la storia di Garcia, ufficiale spagnolo di umili origini che viene salvato con uno stratagemma del Re dall’impiccagione cui allude il titolo (richiesta a gran voce dai suoi nemici nobili) a patto che sparisca dalla circolazione, imbarcandosi agli ordini di Cristoforo Colombo verso la scoperta dell’America. Una serie anomala, dall’epilogo ambiguo, probabilmente sospesa per gli impegni di entrambi gli autori e mai più ripresa in séguito.

Sul n° 33 inizia la seconda parte della miniserie dedicata a Dracula, storia vera – anche se, naturalmente, un po’ romanzata – del leggendario Vlad Tepes, in una veste diversa da quella apparsa durante le avventure di Dago con cui condivide anche il disegnatore, Alberto Salinas. La miniserie termina dopo 5 episodi consecutivi nel n° 37 e viene ristampata nel n° 89 della collana Euracomix Tuttocolore.

Appena terminata Dracula, sul n° 38 inizia l’ennesima serie – la nona! – che segna il nuovo record per un singolo settimanale Eura: negli anni precedenti, infatti, non si era mai andati oltre a 7 serie (nel 1993 su entrambi i settimanali, nel 1994 ancora su Skorpio). Il morto è disegnata da Daniel Muller e viene pubblicata tutte le settimane fino alla fine dell’anno, per 15 episodi in totale. Il protagonista senza nome è un cavaliere cristiano che, al tempo delle Crociate, viene catturato dai Turchi insieme a dieci dei suoi uomini e deve uccidere uno dei sopravvissuti per salvare la vita a tutti gli altri: senza esitazione, si uccide e i suoi avversari lo seppelliscono con tutti gli onori lasciando liberi e ricchi i compagni. Il terzo giorno il protagonista risorge e si stabilisce nel deserto a meditare e aspettare…


Nel complesso, in questo 1995 vengono pubblicati:

– 8 episodi di Dago, con 7 copertine;
– 23 episodi di Nippur di Lagash;
– 6 episodi di Mojado;
– 52 episodi di Martin Hel, con 1 copertina;
– 26 episodi di Port Douglas;
– 22 episodi della ristampa di Savarese (seconda parte);

—–
– 2 episodi di Pepe Sanchez;
– 21 episodi della ristampa di Dago (seconda parte);
– 11 episodi di Larsen & Finch;
– 9 episodi di Starlight, con 2 copertine;
– 35 episodi di Il pellegrino;
– 35 episodi di Amanda;
– 13 episodi di Impiccato;
– 5 episodi di Dracula, con 1 copertina;
– 15 episodi di Il morto;

Il totale, come dicevamo all’inizio, è di ben 283 episodi, di cui 137 su Lanciostory e 146 su Skorpio: un record assoluto, come è un record assoluto la quantità di serie totali, ben 15 (nel 1993 erano state 14, equamente ripartite tra i due settimanali). Sono molte le settimane in cui gli episodi firmati da Wood arrivano a 7 in totale, mentre soltanto in due casi il totale scende a 3… Numeri davvero straordinari.

←Tutto Robin Wood – 1994

————————
BENEMERITA EURA – tutti gli articoli

Autore

Articolo precedente

Lucca C&G 2022 – Leo Ortolani

Prossimo Articolo

Lucca C&G 2022 – Nagabe

Ultimi Articoli Blog