Linea BD & Integrali BD: grazie, Aurea

//
2 mins read

L’affermazione che avevo utilizzato per descrivere la collana di ristampe cartonate Euramaster Tuttocolore – “Finalmente le BD come si deve” – può essere recuperata pari pari per la collana mensile AureaComix Linea BD che debutta a fine 2015: essa nasce, infatti, come costola autonoma dell’altra collana AureaComix (presto monopolizzata da Dago) proprio come Euramaster era nata per diversificarsi da Euracomix e proporre, nel loro formato originario, alcuni fumetti della scuola franco-belga già pubblicati sulle pagine di Lanciostory e Skorpio.

La collana debutta con un graphic novel in due volumi, La porta verso il cielo, scritto da Makyo e disegnato da Eugenio Sicomoro, dopodiché riserva molti numeri alle affascinanti opere di Leo di cui ho parlato in questo articolo: dell’artista brasiliano vengono infatti proposte la fine di Antares, Sopravvissuti e Kenya e, in séguito, Terre lontane, Namibia, Mermaid Project e Amazzonia, a testimoniare il grande successo ottenuto da questo autore in Italia.

Non sono però soltanto le opere di Leo a “proseguire” dalla collana AureaComix: lo stesso avviene infatti anche per Barracuda, per Alpha e il suo spin off Alpha prime armi e, soprattutto, per il bestseller Largo Winch, a partire dal suo ventesimo episodio – mentre invece non continua, un po’ a sorpresa, la ristampa di un altro bestseller amatissimo dai lettori, cioè Jeremiah.
Sarebbe troppo lungo descrivere in dettaglio tutte le belle opere ristampate in questa collana, visto il livello mediamente molto alto (donde il mio ringraziamento nel titolo di questo articolo): mi limiterò a segnalare una serie di Frank Giroud disegnata, tra gli altri, da Giulio De Vita e dal mystèriano Giancarlo Alessandrini: si tratta di Quintett, ambientata in Grecia durante la Seconda Guerra Mondiale (ma con epilogo nel 1932).
La collana continua ancora oggi: la lista completa degli albi pubblicati è consultabile qui.

Ma non è tutto, per gli amanti del fumetto franco-belga: pochi mesi dopo l’esordio di Linea BD, infatti, inizia un’altra collana denominata Gli Integrali BD, con 8 volumi mensili dedicati al “thriller finanziario” I.R.$. di Desberg & Vrancken. Qual è la particolarità di questa collana? Semplice: gli albi originari francesi riproposti in ogni numero sono due e non soltanto uno, come succedeva fino ad allora per tutte le altre collane Eura/Aurea che ristampavano BD.
La collana si interrompe – come dicevamo – con l’ottavo numero, in quanto vengono esauriti gli albi di I.R.$. pubblicati in Francia fino a quel momento: ma la formula non è dispiaciuta affatto ai lettori…

…e infatti, a giugno 2018, la collana riparte dal numero 1 con una nuova edizione (denominata “Aurea Books and Comix“). Stessa formula: due albi francesi racchiusi in un unico numero, a un prezzo di poco superiore a quello di Linea BD.

Si parte con cinque numeri dedicati al thriller Insiders di Bartoll & Garreta per poi continuare con nuovi episodi di I.R.$. e dei suoi spin off (I.R.$. Team e I.R.$. All Watcher), ma se possibile la qualità degli albi proposti è ancora superiore a quella di Linea BD: basti pensare al Dantès di Guillaume & Brasserie, cinque albi che ristampano integralmente questa particolare saga ispirata fin dal titolo – c’è bisogno di dirlo? 🙂 – al Conte di Montecristo; oppure alla ristampa di un paio di opere create da Van Hamme, cioè Lady S. e soprattutto Rani (di cui ho parlato in questo articolo).
La serie che mi ha colpito di più è però L’ultimo templare, scritta da Raymond Khoury e disegnata da Miguel Lalor e Bruno Rocco: difficile restare impassibili di fronte all’incipit, in cui quattro misteriosi cavalieri travestiti da templari irrompono al Metropolitan Museum di New York scatenando un vero e proprio massacro…
Anche questa collana è ancora in corso di pubblicazione: l’elenco completo degli albi è consultabile qui.

Insomma: penso proprio di non sbagliarmi nel ringraziare l’Editoriale Aurea per queste due collane… Gli Integrali, soprattutto, con la pubblicazione molto serrata delle varie serie (soprattutto nei primi anni: ad esempio, la ristampa completa di Dantès – di cui parlavamo prima – inizia e finisce in cinque albi consecutivi, dal 23 al 27) e la doppia razione di albi a numero, costituiscono un’ottima opportunità di recuperare fumetti di elevata qualità con una spesa nel complesso contenuta.

————————
BENEMERITA EURA – tutti gli articoli

Marco Gremignai

L'uomo che veniva da Peccioli

Articolo precedente

Dragonero Mondo Oscuro n.9 “Sera di Vetwasilvhe”

Prossimo Articolo

Dylan Dog Color Fest n.45. Luci e ombre

Ultimi Articoli Blog